Inglese reale: Walter Scott

Nel nostro video in Real English di questo mese parliamo di Walter Scott, chi era, perché era così popolare e come ha contribuito a plasmare l'identità scozzese

 
Il nostro focus linguistico questo mese, la lingua che puoi usare per aiutarti a costruire una discussione. Guarda il video e poi guarda il nostro blog interattivo su Walter Scott per lavorare anche sulle tue capacità di lettura!
 

Assicurati di iscriverti al nostro canale YouTube per non perderti nemmeno un video

 
Abbiamo fatto una fantastica lezione di storia scozzese su Walter Scott che è disponibile per tutti i nostri studenti Online Unlimited. Puoi unirti alle nostre lezioni di storia scozzese, costruzione del vocabolario, lezioni all'ora di pranzo e gruppi di libri, nonché avere accesso a tutte le nostre risorse per lo studio autonomo e le competenze per solo £ 50 al mese! Offriamo anche una settimana di prova GRATIS!
 

Chi era Walter Scott?

Non devi andare lontano a Edimburgo per vedere l'influenza dello scrittore Sir Walter Scott sulla città. La stazione ferroviaria principale si chiama Waverely, dopo il suo acclamato romanzo, e lo Scott Monument occupa il centro della scena nella principale area commerciale di Princes Street. Questo è stato il monumento più alto mai costruito per uno scrittore fino a quando non è stato spostato al secondo posto dal monumento José Martí all'Avana nel 1953. Questo può darti un'idea di quanto fosse ammirato Scott ai suoi tempi. Allora, perché mai era così popolare?!
Statue of Sir Walter Scott at the Scott's Monument

I suoi inizi  
Walter Scott è nato il 15 agosto 1771 nel centro storico di Edimburgo. Durante la sua infanzia ha contratto la poliomielite e nonostante sia sopravvissuto alla malattia questa lo ha lasciato noioso. Per aiutare con la sua guarigione e la sua cattiva salute, è stato mandato a vivere nelle zone rurali degli Scottish Borders nella fattoria dei suoi nonni paterni a Sandyknowe.

Ciò finirebbe per avere un profondo impatto sulla sua scrittura futura poiché gli era stato insegnato a leggere da sua zia. Il suo modo di parlare e i racconti e le leggende che lei gli ha insegnato avrebbero influenzato i suoi romanzi e poesie. Tornò a Edimburgo per finire la sua istruzione, ma tornò ai Borders nel 1783 quando le sue forze furono nuovamente colpite e studiò alla Kelso Grammar School. Qui avrebbe stretto due importanti amicizie –  James Ballantyne e suo fratello John, che in seguito divenne suoi soci in affari e stampatori. 

Sebbene ora sia ricordato per essere un famoso scrittore, la professione principale di Scott era in realtà quella di avvocato, giudice e amministratore legale. Ha combinato il suo lavoro di scrittura e editing con il suo lavoro del giorno come Clerk of Session e Sheriff-Depute of Selkirkshire per tutta la sua carriera insieme.

L'inizio della sua carriera letteraria fu in realtà come un antiquario. Era sempre stato interessato alla letteratura, e aveva un amore particolare per la tradizione ballate. Nel 1802 produsse una collezione intitolata Menestrello degli Scottish Borders. Questo conteneva 48 ballate tradizionali e due imitazioni scritte da lui e dal suo partner di stampa. Scott è stato l'editore di queste poesie e ha apportato alcune modifiche alle parole originali. Questa modifica della tradizione è qualcosa che modellerebbe il suo lavoro futuro e anche la Scozia, e sarebbe una ragione per Scott cadere in disgrazia nel XX secolo. 

Questo lavoro ha ispirato la sua prima poesia, The Lay of the Last Minstrel (1805). ha visto senza precedenti vendite e lo ha reso una celebrità durante la notte. La poesia cita l'Abbazia di Melrose negli Scottish Borders e sarebbe l'inizio del turismo in Scozia ispirato dalla sua scrittura. Questo fu il primo di una serie di lunghi poemi narrativi.

La sua carriera di scrittore inizia a decollare 
La sua poesia Lady of the Lake era un'altra il più venduto. La poesia è ambientata nel Loch Katrine, e ha reso il lago e i Trossach a devi vedere destinazione che è ancora oggi. In effetti, puoi anche fare un viaggio sul Walter Scott Steamer! La sua scrittura ha dato il via a un boom turistico in Scozia, specialmente nelle Highlands. Questa poesia ha battuto tutti i precedenti record di vendita e ha venduto più poeti che erano considerati poesia "corretta", come William Wordsworth.

Print of Walter Scott as a young man

La grande differenza con Scott, e ciò che alla fine lo ha reso così popolare, è che scriveva per intrattenimento, non per "illuminare". Ha anche usato la storia come ispirazione o contesto per la sua scrittura, e questa sarebbe una caratteristica costante del suo lavoro. Non è stato fino a quando Byron ha iniziato a pubblicare i suoi poemi più narrativi che ha avuto qualsiasi competizione
Dopo che Byron ha iniziato a venderlo di più, ha cercato un'altra sfida ed è approdato al romanzo. A questo punto, i romanzi erano considerati letteratura trash. Non erano visti come una scrittura corretta, solo qualcosa adatto al cervello inferiore di donne e bambini. affrontare un romanzo era un grosso rischio per la sua carriera letteraria e avrebbe potuto segnarne la fine. Tuttavia Scott lo ha mascolinizzato, e questo a sua volta lo ha reso una forma d'arte agli occhi dei suoi contemporanei. Scott ha scritto quasi esclusivamente romanzi storici ed è ampiamente accreditato per aver inventato il romanzo storico.

I romanzi di Waverley 
Nel 1814 pubblicò il romanzo Waverley anonimamente. Scott infatti pubblicò tutto il suo lavoro sotto pseudonimo o anonimo fino al 1826. Questo era abbastanza normale per gli scrittori che stavano sperimentando un nuovo stile o formato, ma ancora non sappiamo perché continuò a rimanere anonimo dopo il suo successo anche se il suo l'identità era ormai un segreto di Pulcinella. Il mistero dello scrittore sembrava tuttavia aumentare il successo del romanzo.  Waverley era una storia su i giacobiti, i sostenitori del re Giacomo II su re Giorgio I che guidò una ribellione alla fine disastrosa. Scott ha scelto i principali eventi della storia scozzese come caratteristiche dei suoi romanzi come such il Unione delle Corone. le guerre tra i Covenanters e le forze realiste, e naturalmente la ribellione giacobita. Il modo in cui si è avvicinato a loro avrebbe avuto enormi implicazioni culturali per la Scozia. Scott ha reso le differenze tra le due parti (che erano essenzialmente Scozia e Inghilterra) culturali e non politiche. Ha registrato le tradizioni scozzesi, ma come nel menestrello, modificato alcune cose! Ha dato al paese le sue tradizioni, molte delle quali provenivano dalle Highlands, niente a che fare con le Lowlands, e molte che ottimizzato per adattarsi alla storia. Ha anche celebrato i progressi moderni che sono usciti dall'Atto di Unione e dopo la battaglia di Culloden. I suoi libri celebravano le Highlands, ma incoraggiavano anche il lettore a vedere le sue parole come una vera storia.

Allora perché era così popolare?
Non posso davvero sottolineare abbastanza quanto fosse popolare Scott a questo punto. Gli era stato dato il soprannome il Mago del Nord e in un'epoca in cui la tiratura media di un romanzo era di 750 copie, il Waverly i romanzi da soli erano 6000-10.000!

L'allora principe di Galles e futuro re Giorgio IV amava così tanto i libri che pretendeva di conoscere l'autore, e Scott divenne molto amico di lui. Questa amicizia avrebbe un impatto significativo sul futuro dell'identità scozzese, come vedremo!

Scott scriveva nello stesso periodo in cui la Gran Bretagna stava attraversando la rivoluzione industriale. Il suo lavoro era una fuga dalla sempre crescente industrializzazione del paese. Anche la regina Vittoria era una grande fan e l'interesse della famiglia reale per la Scozia la rese ancora più alla moda.

Painting of Walter Scott by Henry Raeburn

Non era famoso solo per la sua scrittura
Ha risolto uno dei misteri più bizzarri della Scozia: ha trovato il Onori della Scozia (Gioielli della corona). Erano scomparsi dall'incoronazione di Carlo II. Seguendo la loro storia, li trovò in una scatola nelle viscere del castello di Edimburgo. La scoperta di Scott fu assolutamente sensazionale ai suoi tempi e scatenò manifestazioni diffuse di patriottismo scozzese che non se ne andarono mai veramente.

Scott era un devoto unionista, ma anche estremamente orgoglioso della sua eredità scozzese. Voleva che la Scozia avesse un'identità all'interno dell'Unione e l'unione era in pericolo. Alcuni scozzesi stavano guardando cosa era successo in America e Francia e questi “radicali” cominciarono a causare disordini. Consideravano lo stato britannico corrotto e non si sbagliavano. Giorgio IV (il precedente principe di Galles e amico di Scott) era un re molto impopolare. Ha trattato terribilmente sua moglie e ha usato il parlamento per cercare di divorziare da lei. Anche il Parlamento è visto come un'oligarchia corrotta.

Scott capì che la Scozia aveva bisogno di connettersi al loro re. Convinse il re di essere un highlander e anche giacobita grazie ai re Stuart e lo fece visitare in Scozia. È stata la prima visita di un monarca in oltre 200 anni!

Royal Stuart Tartan

L'ironia era che la sua reinvenzione di re Giorgio come re giacobiano era una celebrazione della cultura che suo nonno si assicurò di sradicare dopo la battaglia di Culloden. George è stato felice dell'idea e ha commissionato un completo "Highland". Costava l'equivalente di £ 120.000 in denaro di oggi. Fu inventato un nuovo tartan, il Royal Stuart, che era una scelta totalmente ridicola per lo scopo originale di un kilt. Il tartan e il kilt erano in origine colori simili alla terra in quanto realizzati con coloranti naturali e permettevano a chi li indossava di mimetizzarsi con l'ambiente circostante. Il tartan Royal Stuart era rosso vivo! Anche il resto dell'outfit era abbastanza creativo e aveva poco in comune con un plaid tradizionale dell'altopiano. 


Giorgio IV arriva in Scozia
Scott ha deciso di organizzare l'evento con gusto. L'obiettivo era che gli scozzesi si innamorassero del loro re "giacobita" e si allontanassero da queste nuove idee radicali. Ha convinto il suo amico attore William Henry Murray a progettare scenografie elaborate ispirate alle Highlands per i balli e ha persino scritto un manuale su come vestirsi per l'arrivo del re. Dato che era amico della nobiltà, ha fatto indossare a tutti loro un abito "tradizionale" per l'evento, il che ha provocato una frenesia nel tentativo di realizzare kilt. Re Giorgio era felicissimo. L'immagine a destra mostra come David Wilkie lo dipinse nel suo abito delle Highlands, ma era un dipinto molto lusinghiero. In realtà il suo kilt era troppo corto. Doveva indossare pantaloni color carne (leggi rosa) per coprire le sue gambe estremamente grasse, come nella foto a sinistra. 

Paintings of King George IV

Questa immagine in alto come David Wilkie lo dipinse nel suo abito delle Highlands, ma era un dipinto molto lusinghiero. In realtà il suo kilt era troppo corto. Ha dovuto indossare pantaloni color carne (leggi rosa) per coprire le sue gambe estremamente grasse, come nella foto qui sotto. 

L'eredità di Scott
All'inizio del XX secolo, le persone iniziarono a mettere in discussione sia la scrittura di Scott che la sua visione della Scozia. Il Rinascimento scozzese, guidato da Hugh MacDiarmid, ha combattuto contro questa immagine e, soprattutto, da una prospettiva socialista. Molti lo hanno criticato per aver riscritto la storia scozzese. Mentre è stato riconosciuto per aver messo la Scozia sulla mappa internazionale, alcuni lo considerano un successo troppo grande.

La fine della vita di Scott è stata un pianto lontano da suoi precedenti successi. Nel 1825, una crisi bancaria in tutto il Regno Unito provocò il crollo dell'attività di stampa Ballantyne, di cui Scott era l'unico partner con un interesse finanziario; i debiti della società di £ 130.000 (equivalenti a £ 10.700.000 nel 2019) hanno causato la sua rovina molto pubblica. Piuttosto che dichiararsi in bancarotta, o accettare qualsiasi tipo di sostegno finanziario dai suoi numerosi sostenitori e ammiratori (incluso il re stesso), mise la sua casa e le sue entrate in un fondo che apparteneva ai suoi creditori, e decise di scrivere la sua via per uscire dai debiti . Per aumentare i suoi problemi, sua moglie Charlotte morì nel 1826.

Negli anni successivi, avrebbe continuato a scrivere in modo prodigioso, ma la sua salute alla fine lo guastò e morì il 21 settembre 1832.

Scott's Monument Edinburgh

Cosa possiamo imparare da Walter Scott?
Che tu sia o meno un fan dei suoi scritti, non si può negare che Walter Scott sia uno dei giocatori più importanti della storia scozzese. Senza i suoi contributi, la Scozia sarebbe un paese molto diverso in questo momento e la nostra identità non sarebbe la stessa. Non c'è dubbio che l'immagine di Scott della Scozia vende. Puoi vederlo nella cultura popolare come il straniero serie o il film Cuore impavido, e porta milioni di turisti nel paese.

Il turismo vale 10,5 miliardi di sterline all'anno per l'economia scozzese, uno dei motivi per cui la pandemia di Covid 19 ha colpito così duramente.

Tuttavia, la Scozia è una nazione moderna. Il referendum per l'indipendenza del 2014 ha innescato una conversione di che tipo di paese vogliamo essere. È leader mondiale nelle energie rinnovabili e pugni sopra il suo peso nella scienza e nella ricerca, per non parlare del famoso settore alimentare e delle bevande e delle famose istituzioni educative. Come possiamo conciliare questo con l'immagine di Scott del guerriero romantico nelle Highlands è un equilibrio che il paese dovrà trovare. 



Torna su